Le diverse tipologie di lesioni cutanee

Alterazioni che riguardano l’apparato tegumentario, le lesioni cutanee possono essere:

  • elementari primitive, se compaiono sulla pelle come risposta cutanea ad uno stimolo patogeno (eritemi, macchie, papule, placche, noduli, pomfi, vescicole, bolle, pustole)
  • elementari secondarie, se scaturiscono da una lesione primitiva (croste, squame, escoriazioni, erosioni, ulcerazioni, ragadi, cicatrici)
  • patognomoniche, se tipiche di una data patologia

Presso il Centro Salute Colleoni è possibile prenotare una prima visita di Chirurgia generale col dottor Giovanni Evalli per la valutazione delle proprie lesioni cutanee.

Specializzato in Chirurgia generale, vascolare, toracica e vascolare, il dottor Evalli tratta prevalentemente le patologie della cute che necessitano di essere asportate e sottoposte ad esame istologico. Si occupa inoltre di patologie gastrointestinali, avvalendosi di strumenti diagnostici tradizionali e all’avanguardia, e collaborando con gli altri specialisti presenti nel poliambulatorio.

Lesioni cutanee, quali richiedono un consulto chirurgico

Le più comuni tipologie di lesioni cutanee, che richiedono il consulto del chirurgo generale, sono:

  • la papula
  • la placca
  • il nodulo

La papula è una lesione piccola, in genere inferiore ai 10 millimetri di diametro, che si distingue per il suo essere palpabile (e dunque in rilievo). Appartengono a tale categoria i nevi, le verruche, la cheratosi seborroica e attinica e alcuni tipi di neoplasie.

La placca, in rilievo oppure depressa, ha in genere un diametro maggiore ai 10 millimetri ed è tipica della psoriasi e del granuloma anulare.

Il nodulo è, insieme al nevo, la lesione cutanea che più di frequente richiede l’asportazione. Di dimensioni maggiori rispetto a quelle della papula, è in genere di forma tondeggiante e può essere causato da un’infezione, un’infiammazione o una neoplasia. Appartengono alla tipologia dei noduli le cisti, i fibroadenomi e i lipomi (accumuli di grasso).

Nell’ambito della chirurgia generale, si interviene generalmente su noduli, cisti e lesioni sconosciute per la loro asportazione e la loro analisi.

Come avviene l’asportazione

L’asportazione della lesione cutanea deve essere eseguita dalla mano esperta di un chirurgo. La tecnica utilizzata dipende dall’entità della lesione, dalla sua posizione e dalla sua grandezza.

Di norma, il chirurgo effettua un’anestesia locale e procede con la rimozione della lesione eseguendo col bisturi un taglio romboidale, prima di riavvicinare i lembi della ferita così da suturarli. La lesione così rimossa verrà poi analizzata dal laboratorio, per stabilirne la natura (benigna o maligna) e l’origine.

Nell’ambito della chirurgia generale, il dottor Evalli si occupa di:

  • biopsie della cute e del tessuto sottocutaneo (diagnostica ed escissionale)
  • incisioni con drenaggio della cute e del tessuto sottocutaneo
  • rimozioni o asportazioni di ferite, infezioni o ustioni
  • prime visite chirurgiche
  • visite di controllo chirurgiche
  • asportazioni radicali di lesioni cutanee
  • medicazioni chirurgiche